» Cerca nel sito

GASBARRA-META: IL GOVERNO NON VIOLI L’ART.9 DELLA COSTITUZIONE NO ALLA DISCARICA A VILLA ADRIANA

“Diciamo no alla discarica sul sito di Corcolle, a pochi metri da un bene archeologico unico come è Villa Adriana, diciamo no ad offrire al mondo l’immagine di un’Italia che di nuovo distrugge se stessa violando il proprio patrimonio storico e culturale. Chiediamo al governo di fermare il progetto e di non violare l’articolo 9 della Costituzione che impone la tutela del paesaggio e del patrimonio artistico”. Lo scrivono in un comunicato i deputati del Pd, Enrico Gasbarra e Michele Meta. “La denuncia e le dimissioni del professor Andrea Carandini, al quale esprimiamo la nostra vicinanza, rappresentano l’ultimo grido d’allarme che vede uniti le comunità locali, le associazioni culturali e ambientaliste, buona parte degli Enti locali, della Provincia di Roma che ha espresso parere negativo sul sito e non ultimo, dei ministri Ornaghi e Clini. Se ci troviamo oggi – proseguono Gasbarra e Meta – a discutere ancora di un nuovo sito per la discarica di Roma, quattro anni dopo l’insediamento di Alemanno, lo si deve all’incapacità e all’irresponsabilità del sindaco e della presidente Polverini che hanno abdicato le proprie funzioni ad un Commissario . Una ‘fuga’ che sta provocando un vero e proprio scandalo internazionale”. “Dopo gli enormi sforzi che il presidente Monti e il suo governo hanno messo in campo per ridare dignità internazionale al Paese, sarebbe veramente incredibile – concludono gli esponenti del Pd – scrivere una nuova pagina nera per l’Italia nel mondo dopo la vergogna dei rifiuti di Napoli, l’abbandono di Pompei e gli scandali del governo Berlusconi”.