160325-associazionismo

Commissione “Lavoro e Formazione”

Politiche del lavoro per cambiare #bastaunsi, 29 novembre 2016

Lo scorso aprile, a seguito del lavoro svolto e dell’evento “Verso una nuova governance del mercato del lavoro”, la Commissione Lavoro e Formazione del PD Lazio ha definito proposte in merito alla costruzione della “seconda gamba” della riforma del lavoro.
Le proposte, frutto del lavoro dei partecipanti che si sono riuniti in tavoli tematici, sono state discusse con Tiziano Treu, Lucia Valente, Fabio Melilli, Lorenza Bonaccorsi, Maurizio Del Conte ed Angelo Pandolfo.
Oltre che la costruzione del sistema di governance delle politiche attive, sono stati approfonditi: la nuova organizzazione dei servizi per l’impiego, la collaborazione pubblico-privato e il ruolo delle agenzie private, il ruolo “attivo” della alternanza scuola lavoro, dell’economia sociale e dei nuovi lavori, i fabbisogni di competenze e delle figure professionali ‘non reperibili’, con una enfasi sulle competenze digitali, e infine le criticità nel campo dei finanziamenti pubblici regionali.

Continua a leggere questo testo in  pdf (106 K 2 pp.)

Commissione “Promozione Associazionismo”

Terzo settore: strategie e proposte d’intervento (4 novembre 2016)

Venerdì 4 novembre 2016 si è riunita, alle ore 17.30, la Commissione “Promozione Associazionismo” presieduta dal Dott. Renato Ienaro, per approfondire, con intervento del Dr. Vincenzo Piccione, alcuni principali temi trattati nei precedenti incontri.
Con presentazione del Dr. Michele di Maio si è inoltre discusso delle strategie ottimali d’intervento ai fini della riorganizzazione, a livello romano, dei Centri Anziani.
Sono stati inoltre sviluppati ulteriori argomenti ritenuti di rilevante interesse ai fini di una concreta crescita delle interazioni del mondo associativo, con particolare riferimento al versante sanitario.
E’ stata quindi illustrata – a cura della Dott. Massimo Chiara – la possibile introduzione, anche a Roma, di una nuova tecnica innovativa per la cura dei malati di alzheimer e di parkinson. E’ stato chiarito come il successo è la sicurezza della nuova tecnica chirurgica potrebbe avere vaste implicazioni per la stimolazione profonda del cervello, o DBS, nella chirurgia del futuro, in quanto potrà sempre essere usata per aiutare in una vasta gamma di problemi medici, oltre a curare significativamente le patologie specifiche indicate.

Allegati

  • Michele di Maio, “Progetto per una rigenerazione dei CSA – Centro Sociale Anziani” (pdf, 2 pp. 199 K)
  • Massimo Chiara, “Cura malati Alzheimer e Parkinson” (pdf, 226 K, 1 pag.)