Omofobia. Carapella: Vergognose tutte le discriminazioni. Non c’è civiltà senza rispetto

“La bocciatura, avvenuta ieri alla Camera, della legge contro l’omofobia da parte dell’attuale maggioranza al Governo, nonché, cosa ancor più scandalosa, di esponenti dell’opposizione e dello stesso Partito Democratico, è un fatto di gravità inaudita ed è per questo che oggi ho sentito l’esigenza di manifestare in Aula, dove si stava discutendo della discriminazione subita dai lavoratori disabili di Alitalia, il mio più profondo dissenso e ricordare la vergogna delle discriminazioni”. Così il Presidente della Commissione Lavori Pubblici e Politiche per la Casa alla Pisana, Giovanni Carapella, ha motivato la scelta di presenziare all’odierna seduta del Consiglio Regionale insieme al collega Mariani, Presidente della Commissione Lavoro, pari opportunità, politiche giovanili e politiche sociali, con al collo un cartello recante la scritta “Omofobia vergogna nazionale”.

“La disabilità – ha aggiunto Carapella –, così come l’omosessualità e qualsiasi altra differenza attinente l’individuo, non possono in alcun modo divenire il bersaglio della discriminazione e del pregiudizio. Un paese moderno, per essere civile, deve saper rispettare e difendere i diritti civili”

Lascia un commento