Interventi al workshop “Gestione Rifiuti” della Commissione “Ambiente e Agricoltura” (19 novembre 2015)

Di 19 Novembre 2015 News

economia-circolare

Il 12 novembre 2015 ha avuto luogo il workshop sulla “Gestione Rifiuti”  organizzato dalla Commissione “Ambiente e Agricoltura”  del PD Lazio.
Nel seguito una sintesi degli interventi di Cristiana Avenali, coordinatrice della Commissione, e di Michele Civita,  Assessore alle “Politiche del territorio, Mobilità, Rifiuti” della Regione Lazio.

Cristiana Avenali, coordinatrice della Commissione “Ambiente e agricoltura” del PD Lazio

mini-cristiana-avenali

Cristiana ha introdotto l’evento presentando le attività della Commissione già avviate o in corso:

  • istituzione dei gruppi di approfondimento su parchi, energie, rifiuti e agricoltura
  • organizzazione della conferenza “Green Act Lazio: le politiche ambientali per costruire il futuro  del maggio 2015
    • workshop specifici su “Gestione Rifiuti” e “Agricoltura” con il coinvolgimento dei referenti amministrativi in Regione Lazio.

Cristiana ha poi sottolineato che il workshop vuole essere “un primo momento di riflessione” comune sul tema della gestione dei rifiuti nel Lazio.
L’obiettivo è dare notizia sulle azioni già adottate dall’Amministrazione Zingaretti in tal ambito, discutere sulle criticità da risolvere, individuare le azioni che il Partito Democratico del Lazio e l’amministrazione regionale possono adottare congiuntamente.
Cristiana ha ricordato che la prima azione adottata dall’Assessorato dal momento del suo insediamento nella primavera 2013 è stato il rispristino della legalità e il ritorno al rispetto delle norme nazionali e comunitarie anche nell’ambito del trattamento dei rifiuti avendo ereditato dalla precedente amministrazione una situazione fortemente deteriorata dal punto di vista del rispetto delle regole, dei livelli quantitativi e qualitativi del riciclo, della più ampia situazione amministrativa e finanziaria.
In meno di tre anni è stato avviato un importante riordino del sistema dei rifiuti regionali ed è ora possibile lavorare a un disegno politico più ambizioso, che affronti le criticità ancora presenti sul territorio (bonifiche, discariche, termovalorizzatori…) per arrivare, in un arco pluriennale, come auspicato anche dalla Comunità Europea, alla cosiddetta “Economia Circolare”, modello che pone al centro la sostenibilità del sistema, in cui non ci sono prodotti di scarto, in cui le materie vengono costantemente riutilizzate, e in cui si creino anche posti di lavoro.

Momenti fondamentali di questo nuovo corso sono stati:

  • la chiusura di Malagrotta nell’ottobre 2013
  • lo stanziamento di investimenti, in un triennio, per 150 milioni di euro a favore della raccolta differenziata
  • l’avvio dell’iter di revisione e adeguamento del Piano Regionale Rifiuti ad iniziare dalla revoca del cosiddetto “scenario di controllo” previsto dalla precedente amministrazione che di fatto permetteva di derogare dalle norme comunitarie
  • il monitoraggio del piano per determinare in modo trasparente il fabbisogno impiantistico della Regione e di conseguenza avviare il riordino delle autorizzazioni e dei controlli dell’intero sistema impiantistico regionale
  • avvio di un ragionamento per attuare politiche di premialità e penalità  che premiano, in termini fiscali, le amministrazioni virtuose e penalizzino le altre
  • approvazione delle linee guida per il piano di prevenzione e riduzione dei rifiuti
  • azioni sull’articolo 35 dello “Sblocca Italia” sull’impiantistica (termovalorizzatori, gassificatori)

Durante l’amministrazione Zingaretti sono stati fatti grandi passi in avanti nella raccolta differenziata come indicano i dati ISPRA : ad esempio Roma è passata dal 24,5% del 2012 al 35,18 del 2014.

Molte cose rimangono da fare, ha però sottolineato Cristiana, e per tale motivo occorre che il PD lavori insieme all’Amministrazione regionale per il raggiungimento degli obiettivi che ci si prefigge.

Michele Civita, Assessore “Politiche del territorio, Mobilità, Rifiuti” della Regione Lazio

civita

Michele ha presentato il “nuovo modello dei rifiuti” elaborato dalla Regione Lazio, incentrato sulla raccolta differenziata, sul riuso dei materiali, sugli investimenti volti alla creazione di una vera industria del riciclo che possa anche creare nuovi posti di lavoro.

Fondamentale per l’attuazione del nuovo modello è stata l’emanazione delle “Linee guida per la redazione del Programma regionale di prevenzione dei rifiuti del Lazio” (pdf) che propongono, tra l’altro, una metodologia di lavoro e una serie di misure “di prevenzione” della produzione di rifiuti.
L’obiettivo dell’Amministrazione è portare entro il 2020 la raccolta differenziata al 65%, con una crescita del 5% ogni anno.
La nuova gestione dei rifiuti della Regione non prevede, ha sottolineato Civita, l’apertura di nuovi impianti ma un migliore funzionamento di quelli esistenti.
Tra gli obiettivi principali del Piano vi è il superamento dell’emergenza e l’autonomia degli impianti, anche attraverso l’aumento della capacità complessiva degli impianti di compostaggio.
La “nuova gestione dei rifiuti” permetterà anche di creare “lavori veri” perché “i rifiuti non sono un problema ma una risorsa”.
Per perseguire tali obiettivi occorre lavorare non solo dal punto di vista normativo, dell’impiantistica e del monitoraggio e controllo ma anche impegnarsi nell’opera di “informazione, sensibilizzazione ed educazione” dei cittadini e delle imprese e investire nella “ricerca e sviluppo”.

Il dibattito

A seguito delle relazioni, si è aperto il dibattito con i presenti che ha segnalato importanti azioni da portare avanti come Partito Democratico. Forte, infatti, la domanda di formazione e informazione sia agli amministratori locali, che ai Circoli, affinché le informazioni possano essere trasferite anche ai cittadini. La formazione è un tassello fondamentale dal punto di vista tecnico e anche politico.
Bisogna, pertanto, lavorare per costruire una programmazione unitaria, mettendo a sistema tutto quello che si sta facendo per avere una visione organica.

È stato richiesto ai partecipanti di inviare contributi e idee, ed in particolare di condividere le proposte del Forum Provinciale sui Rifiuti.

Le linee guida programma rifiuti della Regione Lazio

  • Delibera 720/2014 – “Approvazione delle Linee guida per la redazione del Programma regionale di prevenzione dei rifiuti del Lazio” (pdf)

Documenti della Commissione “Ambiente e Agricoltura” del PD Lazio

  • Proposta di legge regionale di iniziativa di Giunta n. 291/2015 – “Modifiche alla Legge Regionale 6 ottobre 1997, n. 29 “Norme in materia di Aree Naturali Protette Regionali” (pdf)
  • Delibera 107/2014 – Modifiche al Regolamento Regionale 31 luglio 2007 n. 9 “Disposizioni attuative ed integrative della legge regionale 2 novembre 2006 n. 14 (Norme in materia di Agriturismo e turismo rurale), relative all’agriturismo”   (pdf)
  • Delibera 444/2015 – “Attuazione della ruralità multifunzionale ai sensi dell’articolo 57 della legge regionale 22 dicembre 1999, n. 38 e successive modifiche”   (pdf)
  • Delibera 720/2014 – “Approvazione delle Linee guida per la redazione del Programma regionale di prevenzione dei rifiuti del Lazio”  (pdf)
  • Documento Strategico nuovo Piano Energetico Regionale  (pdf)

Contatti

Per approfondire

rapporto-ispra-2015

Rapporto Rifiuti Urbani – Edizione 2015

  • ISPRA, Istituto Superiore per la Protezione e la Ricerca Ambientale, “Rapporto Rifiuti Urbani – Edizione 2015
  • Rapporto rifiuti urbani – versione integrale (pdf – 19 Mb)
  • Schede di sintesi (pdf – 13 Mb)
  • “Dati 2014 sulla produzione e gestione dei rifiuti urbani della regione Lazio” (pdf)

Economia Circolare