fbpx

La riforma costituzionale, per un’Italia più semplice ed unita in Europa (5 maggio 2016)

Di 5 Maggio 2016News

RiformeCostituzionali

(qui il testo completo in pdf di questo articolo)

Con l’approvazione definitiva della riforma costituzionale da parte del Parlamento si introduce un cambiamento profondo nel nostro ordinamento, perché si porta a compimento un percorso di riforme da lungo tempo avviato, risolvendo alcuni dei problemi costituzionali che sono stati evidenziati in questi anni, da diverse maggioranze politiche e da diversi Presidenti della Repubblica.
Ora la parola spetta al popolo che, nel referendum costituzionale che si svolgerà nel prossimo autunno, dovrà decidere se confermare o meno le scelte compiute in Parlamento.

Le ragioni della riforma

La riforma costituzionale del 2001 aveva posto le premesse di un assetto federale della Repubblica, con uno spostamento delle competenze legislative dallo Stato alle Regioni, senza ripensare il sistema parlamentare fondato sul bicameralismo perfetto.

(continua a leggere qui in pdf)

Leggi anche

Chi è Gaetano Palombelli?

150515-gaetano-palombelli

Nato a Cori (LT) il 10 gennaio 1966, lavora presso l’Unione delle Province d’Italia (UPI) come responsabile per le materie “ questioni istituzionali, personale, polizia provinciale, statistica, informazione e comunicazione, innovazione ed e – government ” .
Avvocato e dottore di ricerca in diritto pubblico ha fatto parte della Commissione di esperti per Roma capitale costituita tra il Comune, la Provincia e la Regione ed è oggi componente del “Comitato di indirizzo e coordinamento dell’informazione statistica”.
A livello politico, durante gli studi, è stato coordinatore della Lista Di-a-da Sinistra per le elezioni
universitarie di Roma “La Sapienza” e segretario della Sinistra giovanile di Latina.

Qui il suo curriculum in pdf

Contatti