fbpx

Regione Lazio: 4 milioni per sostenere le attività di contrasto alla violenza sulle donne (14 luglio 2016)

Di 15 Luglio 2016News

160531-sportello-antiviolenza

Le risorse saranno utilizzate per realizzare una serie di strutture sul territorio dedicate alle donne. La Regione ha stabilito di contribuire con Fondi regionali e Fondo Dipartimento Pari Opportunità all’istituzione di 13 centri antiviolenza distribuiti su tutto il territorio regionale

La Regione aumenta le risorse a disposizione per sostenere l’attività di contrasto alla violenza sulle donne: il fondo passa da 250mila euro a 4 milioni, si tratta di risorse importanti con cui saranno realizzate una serie di strutture sul territorio dedicate alle donne.
Ecco quante sono e dove si trovano le strutture dedicate alle donne. 8 i centri antiviolenza, di cui: 3 in provincia di Frosinone; 1 in provincia di Latina e 4 in provincia di Roma, mentre le Case rifugio sono 8, di cui 5 a Roma con 77 posti disponibili; 2 a Latina con 13 posti disponibili; 1 a Frosinone con 7 posti disponibili.

I contributi per i centri antiviolenza già esistenti

È stato stabilito un contributo di 30.000 euro. Le case di semi-autonomia sono in totale 3, di cui: 2 sulla provincia di Roma con 14 posti letto, 1 sulla provincia di Latina con 7 posti letto.

Nuovi centri antiviolenza e case rifugio

La Regione ha stabilito di contribuire con Fondi regionali e Fondo Dipartimento Pari Opportunità all’istituzione di 13 centri antiviolenza distribuiti su tutto il territorio regionale (Frosinone 2; Latina 3;Rieti 1; Roma 6; Viterbo 1); 5 case rifugio, una per ciascun territorio provinciale; 1 nuova casa di semi-autonomia sul territorio della provincia di Roma.

“Abbiamo aumentato le risorse per contrastare la violenza sulle donne. Prima la nostra Regione investiva 250mila euro all’anno per sostenere attività di contrasto alla violenza sulle donne. Noi mettiamo a disposizione 4 milioni con cui realizzeremo una serie di strutture sul territorio dedicate alle donne”- il commento del presidente, Nicola Zingaretti.