fbpx
Categoria

News

Segui le ultime notizie su PD Lazio e PD nazionale

Fitch conferma la valutazione del Lazio, avanti con risanamento e crescita (17 marzo 2016)

Di News

160318-fitch

L’agenzia Fitch ha confermato la valutazione di lungo termine della Regione Lazio a ‘BBB’, quello di breve termine a ‘F3’ e l’outlook stabile: secondo il giudizio di Fitch, la Regione Lazio è tra quelle che hanno migliorato il proprio sistema contabile. Il Lazio ormai è ripartito, la strada è quella giusta e non ci fermeremo

L’agenzia di rating Fitch ha confermato la valutazione di lungo termine della Regione Lazio a ‘BBB’, quello di breve termine a ‘F3’ e l’outlook stabile: secondo il giudizio di Fitch, la Regione Lazio è tra quelle che hanno migliorato il proprio sistema contabile.
Le fatture sono ora pagate entro circa 60 giorni, un significativo miglioramento se comparato ai 250 giorni degli ultimi decenni.

Meglio anche l’economia

Un altro punto di forza, sulla base delle stime di Fitch, è l’aumento di circa l’1% dell’economia del Lazio nel 2015 grazie all’industria farmaceutica e al settore automobilistico che hanno spinto l’export sopra i 20 miliardi.
Anche il turismo e il commercio hanno supportato la creazione di nuovi posti di lavoro, l’occupazione ha raggiunto il livello più alto degli ultimi dieci anni con 2,35 milioni di occupati.

Buone prospettive anche per il futuro

Fitch conferma un’ulteriore prospettiva di crescita di circa l’1% nel 2016, sostenendo la crescita delle entrate verso 15 miliardi di euro nel medio periodo, con un incremento di 1,5 miliardi rispetto ai 13,5 miliardi di euro nel 2013/2014.
Per il Lazio, ci sono quindi tutte le condizioni “strutturali” di perseguire il pareggio di bilancio anche per il futuro.

Valorizzazione del patrimonio immobiliare

Positiva anche l’operazione di valorizzazione del patrimonio immobiliare che, insieme ai fondi comunitari, ha contribuito a finanziare i circa 750 milioni di euro di investimenti l’anno per i trasporti, gli ospedali e per lo sviluppo economico.

Il commento di Nicola Zingaretti

151129-zingaretti-1

“Fitch promuove la Regione Lazio. Economia +1%, tagli a sprechi, conti in ordine.
Avanti con le riforme per crescere e migliorare la vita delle persone” – lo ha scritto su Twitter il Presidente, Nicola Zingaretti.

Il commento di Alessandra Sartore, assessore al bilancio

alessandra-sartore

“Siamo soddisfatti del giudizio di Fitch che ha confermato il rating del Lazio – è il commento di Alessandra Sartore, assessore al bilancio, che ha aggiunto: sono cambiate le condizioni “strutturali” della nostra Regione che ci consentono di fare ripartire l’economia, l’occupazione e i settori strategici per lo sviluppo con una prospettiva ancora positiva di crescita e, al tempo stesso, di mantenimento del pareggio di bilancio.
A dimostrazione che è possibile coniugare la salvaguardia delle politiche di bilancio con misure che stimolino la crescita del territorio”- ha detto ancora Sartore.

Rassegna web

Leggi anche

 

 

Ultime su Nicola Zingaretti

 

Lazio: +9,2% export nel 2015 (12 marzo 2016)

Di News

160312-lazio-export

Secondo l’Istat tra gennaio e dicembre 2015 c’è stato un balzo in avanti del 9,2%. Un forte aumento guidato in particolar modo da due settori di eccellenza: il farmaceutico e il chimico-medicinale che mette il Lazio nel gruppo delle Regioni che trainano l’export nazionale.

Buone notizie sulle esportazioni nella nostra Regione

Tra gennaio e dicembre 2015 c’è stato un balzo in avanti del 9,2%.
Un forte aumento guidato in particolar modo da due settori di eccellenza: il farmaceutico e il chimico-medicinale che mette il Lazio nel gruppo delle Regioni che trainano l’export nazionale.
Un’evoluzione particolarmente significativa guardando alle vendite verso gli altri Paesi europei; per quel che riguarda l’export verso gli Stati dell’UE, infatti, il Lazio nell’anno scorso ha fatto registrare un +11,1%.

Il commento di Guido Fabiani, Assessore Sviluppo economico e Attività produttive della Regione Lazio

160204-guido-fabiani2

“Questo è un ulteriore segnale che conferma la bontà delle scelte fatte negli ultimi anni in materia economica dall’amministrazione regionale in special modo per quel che riguarda il forte rilancio di una politica di internazionalizzazione, l’impostazione di un solido e concreto processo di reindustrializzazione del tessuto produttivo e il sostegno all’innovazione e al credito per le imprese” è il commento di Guido Fabiani, Assessore Sviluppo economico e Attività produttive.

Articoli collegati

Leggi anche

Lazio senza mafie – Al via una serie di eventi dedicati alla lotta alla criminalità organizzata (10 marzo 2016)

Di News

160310-lazio-senza-mafie-cover

Legalità, al via la nuova edizione di Lazio senza mafie 

Al via una serie di eventi dedicati alla lotta alla criminalità organizzata: convegni, dibattiti in tutto il Lazio insieme a chi si impegna ogni giorno per contrastare le mafie: donne e uomini, giornalisti, magistrati e rappresentanti delle Forze dell’Ordine e delle principali Istituzioni.
Il Meeting è promosso dalla Regione e organizzato dall’Osservatorio per la Sicurezza e la Legalità in collaborazione con Lazio Innova, Progetto ABC e Piccolo Cinema America

Dal 14 al 21 marzo “Lazio Senza Mafie”, il secondo meeting regionale della legalità

Un cartellone ricco di eventi, convegni, dibattiti dedicati alla lotta alla criminalità organizzata: 20 appuntamenti in tutto il Lazio insieme a chi si impegna ogni giorno per contrastare le mafie: donne e uomini, giornalisti, magistrati e rappresentanti delle Forze dell’Ordine e delle principali Istituzioni.

Continua l’impegno nella lotta alla presenza dei clan mafiosi nella Capitale e nel Lazio

È una battaglia che può avvenire solo mantenendo alta l’attenzione e le luci sempre accese su un problema drammatico: illegalità e malaffare indeboliscono le coscienze e aggrediscono il tessuto produttivo ed economico del Paese.
Tanti appuntamenti in tutto il Lazio, tra le province di Latina, Frosinone ,Viterbo, Rieti e Roma.

Iniziative ed eventi per sensibilizzare le coscienze e rendere più forti e legittimate le forze che lottano contro la criminalità perché illegalità e malaffare indeboliscono le coscienze e aggrediscono il tessuto produttivo ed economico del Paese.
Il Meeting promosso dalla Regione e organizzato dall’Osservatorio per la Sicurezza e la Legalità in collaborazione con Lazio Innova, Progetto ABC e Piccolo Cinema America.

160310-mafine-lazio

Nota di Nicola Zingaretti

“Bisogna capire dove essere utili e il salto di qualità è sentirsi parte di una sfida – lo ha detto il presidente della Regione Lazio, Nicola Zingaretti, che ha aggiunto: per noi la battaglia per la legalità è anche una battaglia per lo sviluppo e il lavoro.
Se la mafia è presente questo evoca un conflitto, e lo Stato deve capire l’importanza di una economia pulita. Per questo tra le priorità della Regione c’è il rilancio dell’economia proprio nelle zone più attenzionate. Ora è tempo di un impegno civile e culturale”.

Commento di Gianpiero Cioffredi

“Con Lazio senza mafie va avanti un lavoro cominciato all’indomani dell’insediamento della giunta Zingaretti, soprattutto per incoraggiare la nascita di anticorpi di legalità a Roma e nel Lazio – è il commento di Gianpiero Cioffredi, presidente Osservatorio per la Sicurezza e la Legalità della Regione, che ha aggiunto: c’è la necessità di costruire un grande movimento non solo di sostegno a magistratura e forze dell’ordine, ma che lavori per una vera e propria rivoluzione della legalità nelle scuole, nelle istituzioni, nella classe dirigente di questa Regione”.

Programma delle iniziative

160310-lazio-senza-mafie-programma

Pubblicazioni e rapporti

160310-cover-lazio-mafie-programma

  • Rapporto Mafie nel Lazio – marzo 2015  (pdf, 2 M, 166 pp.)

“CRIMINALITA’ E SICUREZZA NEI TERRITORI DEL LAZIO”Analisi delle dinamiche e mappatura del rischio per le diverse fattispecie di reato – Rapporto – del 10/02/2015

  • Rapporto Eures (pdf 2.405,72KB)
  • Sintesi Rapporto Eures (pdf, 642,40KB)

Leggi anche

Rassegna web

10 marzo 2016: “Riserva Naturale Laurentino Acqua Acetosa – Una risorsa per la collettività”

Di News

160309-locandina-acetosa

Giovedì 10 marzo 2016 dalle 17.00,  presso la Sala Consiliare del Municipio IX – Via Ignazio Silone – I Ponte, Roma –  incontro sul tema “Riserva Naturale Laurentino Acqua Acetosa – Una risorsa per la collettività” organizzata dal Gruppo PD alla Regione Lazio, dall’Ente Roma Natura, e dal Municipio IX.

Presiede: Andrea GARGANO, Presidente del Consiglio Municipio Roma IX Eur

Partecipano:

  • Maurizio GUBBIOTTI, Presidente Roma Natura
  • Ass. Mauro BUSCHINI, Assessore Ambiente e Rifiuti della Regione Lazio
  • On. Cristiana AVENALI, Comm. Ambiente Regione Lazio
  • On. Riccardo AGOSTINI, Comm. Ambiente Regione Lazio
  • On. Massimiliano VALERIANI, Capogruppo PD Regione Lazio
  • Stefano MICHELATO, Assessore Politiche del Territorio Municipio Roma IX Eur
  • Andrea SANTORO, Presidente del Municipio Roma IX Eur

La locandina

Locandina 10 marzo 2016

(clicca sulla locandina per ingrandire)

Leggi anche

10 marzo 2016 – SÌ nel Referendum Costituzionale. Una riforma per cambiare l’Italia

Di News

lega-autonomia2

A Roma giovedì 10 marzo convegno sul ddl Boschi

Il prossimo 10 marzo 2916, al tempio di Adriano a Roma, Legautonomie organizza un convegno dedicato alla riforma del Senato e del Titolo V della Costituzione disegnata dal ddl Boschi – in via di approvazione definitiva da parte del Parlamento – che vedrà la partecipazione, tra gli altri, della Ministro per le Riforme Costituzionali e i rapporti con il Parlamento Maria Elena Boschi, del presidente nazionale di Legautonomie e sindaco di Pisa Marco Filippeschi, del vicepresidente dell’Anci e sindaco di Pesaro Matteo Ricci e di Stefano Ceccanti, Professore ordinario di diritto pubblico comparato presso la Facoltà di scienze politiche dell’Università “La Sapienza” di Roma.

SÌ nel Referendum Costituzionale. Una riforma per cambiare l’Italia

Voteremo Sì nel Referendum Costituzionale. Gli obiettivi generali della riforma sono quelli di:

  • aumentare rapidità ed efficacia delle risposte del Parlamento ai problemi del Paese, perché si ridurranno i tempi di approvazione delle leggi e si renderà più trasparente il procedimento legislativo;
  • avvicinare le istituzioni nazionali alle esigenze dei territori, ai cittadini e alle imprese;
    superare il bicameralismo paritario, con due rami del Parlamento che svolgono funzioni identiche: un sistema superato e disallineato rispetto alle esigenze di governo di società complesse;
  • riformare, dopo oltre quindici anni dalla sua approvazione, l’impianto del Titolo V della Costituzione e l’articolazione delle competenze legislative tra Stato e Regioni;
  • dare una cornice costituzionale alla riforma dell’ordinamento delle autonomie locali avviata con la legge Delrio e che vogliamo sia completata.

La riforma vuole dunque dare una grande responsabilità nazionale a Regioni ed enti locali all’interno del Senato, superando l’illusione di poter creare autonomie separate che finiscono fatalmente per litigare davanti alla Corte.

Con il nostro Sì sosteniamo la riforma del Parlamento che verrà sottoposta al Referendum Costituzionale:

  • per l’istituzione di un Senato delle Autonomie che eserciti pienamente le competenze importanti che gli sono attribuite per la vita delle comunità che le Regioni e gli enti territoriali amministrano e per dare equilibrio e dinamismo alle articolazioni dello Stato secondo quanto previsto dalla Costituzione;
  • per l’istituzione di un Senato delle Autonomie che rilanci il ruolo delle autonomie locali, che consenta di concorrere ad assicurare l’equità fiscale e la determinazione dei livelli essenziali delle prestazioni civili e sociali previste dalla Costituzione, da garantire uniformemente su tutto il territorio nazionale, e a decidere le politiche dell’Unione Europea con una partecipazione dal basso verso l’alto.

Un Appello per il Sì al Referendum

  • qui in pdf ( 173,47 kB )

Approfondimenti

Leggi anche

Le primarie del centrosinistra – 6 marzo 2016

Di News

160306-primarie-centrosinistra

A Roma domenica 6 marzo 2016 si svolgono le primarie del centro sinistra per la scelta del candidato sindaco.
Si vota SOLO domenica dalle ore 8:00 alle ore 22:00 nei seggi (sezioni o gazebo) in base alla propria sezione elettorale di appartenenza: a questo link  l’elenco di tutti i seggi.
Per votare è necessario presentare la tessera elettorale, un documento di riconoscimento ed un contributo minimo di 2,00 €.
Possono votare tutti i residenti nel comune di Roma.

Sei un cittadino straniero oppure hai tra i 16 e i 18 anni?

Oltre ai cittadini iscritti nelle liste elettorali del Comune di Roma, hanno diritto di voto alla “Primarie 2016”, nel seggio corrispondente all’indirizzo di residenza, tutti i cittadini stranieri regolarmente residenti a Roma e i giovani residenti in città che compiranno il 16º anno entro la data delle Primarie, i quali, per poter partecipare alle “Primarie 2016”, dovranno iscriversi preventivamente entro e non oltre le ore 12.00 del 5 marzo 2016 presso le sedi elencate (link)  e potranno votare esclusivamente presso le stesse.

Primarie per i Municipi

Contestualmente alle Primarie per la scelta del candidato del centrosinistra a Sindaco di Roma si svolgeranno le primarie per i presidenti di Municipio SOLO nei municipi II, VI, VII e XIII.
I candidati sono:

  • Municipio II, candidati: Francesca Del Bello, Andrea Alemanni
  • Municipio VI, candidati: Franco La Torre, Dario Nanni
  • Municipio VII, candidati: Valeria Vitrotti, Gugliemo Calcerano, Massimiliano Massimiliani
  • Municipio XIII, candidati: Massimiliano Pasqualini, Danilo Amelina

Regione Lazio: il Consiglio approva la legge contro il bullismo – video (4 marzo 2016)

Di News

160304-valeriani-regione-lazio-play

Il Consiglio regionale ha approvato, con 24 voti favorevoli e 8 astenuti, la proposta di legge regionale contro il bullismo.
Il Consiglio è stato aggiornato a mercoledì 9 alle ore 11.
Con questa legge si stanziano 600 mila euro, ha fatto sapere il capogruppo regionale del Pd, Massimiliano Valeriani.
La somma servirà a finanziare corsi per il personale scolastico, gli operatori sportivi e gli educatori, organizzazione di corsi, programmi e gruppi di supporto per i genitori, attivazione di programmi di sostegno in favore delle vittime con sportelli di ascolto nelle scuole, campagne di sensibilizzazione.
I beneficiari sono i Comuni, i Municipi, gli enti locali, le scuole, le Asl e le associazioni del settore.
Viene inoltre istituita una Consulta regionale sul bullismo, i cui componenti partecipano a titolo gratuito.

Leodori: Lazio in prima linea contro nemico odioso

daniele-leodori

“Per il Lazio il bullismo è un nemico da non sottovalutare, come invece troppo spesso accade, ma da affrontare in ogni sua manifestazione.
L’approvazione di questa legge testimonia la volontà della Regione di prendere di petto questo odioso fenomeno, partendo dalla prevenzione prima ancora che dal contrasto, e di essere protagonista e all’avanguardia su questo tema anticipando la normativa nazionale tuttora in discussione”.
Lo afferma il presidente del Consiglio regionale del Lazio, Daniele Leodori, a margine della seduta dell’Assemblea che oggi ha approvato la proposta di legge regionale ‘Disciplina degli interventi regionali in materia di prevenzione e contrasto al fenomeno del bullismo’.

Valeriani: legge contro bullismo è rivoluzionaria

massimiliano-valeriani

“Per la prima volta in Italia una Regione smette di fare convegni e affronta la brutta piaga del bullismo. È una legge rivoluzionaria”.
Lo ha detto, all’agenzia Dire, il capogruppo regionale del Pd, Massimiliano Valeriani, primo firmatario della proposta di legge contro il bullismo approvata oggi dal Consiglio.
“Faremo degli stanziamenti ogni anno che saranno dedicati esclusivamente a finanziare progetti per contrastare il fenomeno nelle scuole, nelle strutture sportive e anche per aggredire il fenomeno del cyberbullismo grave”, ha aggiunto Valeriani.

Il video

Fonte: Agenzia Dire, videoservizio di Flavio Sanvoisin

  • Link diretto: (mp4)

Leggi anche

Regione Lazio

Video

Giunta Zingaretti – approvazione agevolazioni tariffarie per bici pieghevoli e bici in treno (1° marzo 2016)

Di News

160301-bici-in-treno

Come già segnalato lo scorso 5 febbraio 2016  su richiesta di Cristiana Avenali – consigliera PD in Regione Lazio e coordinatrice della Commissione Ambiente e Agricoltura del PD Lazio – e Gian Paolo Manzella – consigliere regionale del PD e coordinatore della Commissione “Politiche europee e fondi strutturali“ del PD Lazio – nella delibera di Giunta relativa alle agevolazioni per il TPL era stata inserita una “osservazione” approvata in commissione ambiente, sulle agevolazioni tariffarie per l’acquisto di bici pieghevoli e per sottoscrivere un abbonamento bici più treno.
Il 29 febbraio 2016  la giunta Zingaretti ha approvato definitivamente la delibera.

La nota di Cristiana Avenali

“La giunta ha approvato definitivamente la delibera sulle agevolazioni tariffarie per il 2016 che comprende anche la mia osservazione, integralmente approvata, sul bonus di 150 euro per l’acquisto di bici pieghevoli per chi sceglierà un abbonamento annuale al trasporto pubblico, per una dotazione complessiva di 400 mila euro. La delibera contiene anche la copertura del 50% dell’abbonamento “Bici in Treno” che ho proposto nella mia osservazione. Il prossimo passo sarà regolamentarle con un nuovo atto che chiarirà criteri e modalità di utilizzo delle agevolazioni.  Ringrazio il presidente della Regione Lazio Nicola Zingaretti e l’assessore ai Trasporti Michele Civita per aver raccolto l’osservazione”, dichiara Cristiana Avenali, Consigliera regionale e componente della Commissione Ambiente e Mobilità.
“La Regione Lazio sta lavorando moltissimo per migliorare il comparto dei trasporti, rinnovando il parco mezzi ed investendo nella cura del ferro. Sta puntando sulla mobilità nuova, e lo dimostrano impegni concreti come l’istituzione, a dicembre 2015, del titolo di viaggio “Bici in Treno”, e queste nuove agevolazioni tariffarie centrate sull’intermodalità” prosegue Avenali-
“L’intermodalità, quindi l’uso di combinato della bicicletta e del trasporto pubblico, è uno dei punti chiave della proposta di legge ho presentato sulla Mobilità nuova. Dobbiamo continuare su questa strada e proporre misure efficaci per disincentivare l’uso dell’auto privata e scegliere un mezzo di trasporto più sostenibile: mobilità nuova significa contrasto all’inquinamento urbano e volano di sviluppo economico in chiave green”, conclude la Consigliera.

Allegati

  • Gruppo Partito Democratico Consiglio regionale del Lazio, “Osservazione allo Schema di delibera n. 142 del 10/12/2015”  (pdf , 274 K, 2 pp.)
  • Schema di Deliberazione n. 142 – DGR Agevolazioni Tariffarie (pdf , 363 K , 10 pp.)

Leggi anche

 

Fabio Melilli e Marco Rapino: “Bene governance portuale unica Tirreno-Adriatica” (29 febbraio 2016)

Di News

150325-fabio-melilli5

Comunicato congiunto delle Segreterie del PD Lazio e PD Abruzzo

Bene governance portuale unica tirreno-adriatica

Esprimiamo piena condivisione e sostegno alla Lettera d’Intenti sottoscritta da Regione Abruzzo e Regione Lazio, per la creazione di un’unica governance portuale tirrenico-adriatica, nell’ambito della riforma voluta dal Governo, che comporta la necessità di mettere a sistema la portualità per grandi aree con un coordinamento nazionale.
Il conseguente ridimensionamento del numero delle Autorità Portuali rappresenta una scelta di efficienza e razionalizzazione e promuove un nuovo processo di programmazione ai fini di un ottimale utilizzo delle risorse.
La scelta del Governo tende a sviluppare un più efficace collegamento con le reti comunitarie dei trasporti (Ten-t) e a dare maggiore efficienza ai nostri Porti, che devono assolutamente recuperare competitività nel Mediterraneo.
Nella nuova condizione di centralità logistica del Mediterraneo e delle aree ad est di esso (Balcani, Est Europa, Turchia, Iran, ecc.) riteniamo che lo sviluppo dei traffici est-ovest e viceversa debba trovare il nostro Paese pronto con infrastrutture adeguate.
Noi pensiamo che in questa ottica i “Porti di Roma” (Civitavecchia-Gaeta-Fiumicino) e i Porti d’Abruzzo (Ortona-Pescara) debbano avere una unica governance in grado di cogliere tutte le opportunità che il mercato propone: la macroregione Adriatico-Ionica, recentemente istituita, rappresenta una sfida commerciale non indifferente e l’accesso dei Porti di Roma, tramite un unico potere decisionale, a tali aree può essere determinante.
Ci sono poi flussi consistenti di merci e persone, ovest-est e viceversa, che coinvolgono bilateralmente Spagna-Italia-Turchia-Iran, ecc. che hanno bisogno, da parte nostra, di infrastrutture che si sviluppino lungo un corridoio intermodale che vada da Civitavecchia a Pescara-Ortona, coinvolgendo nello sviluppo anche le aree interne delle due regioni.
Partendo da queste considerazioni, condividiamo, come indicato dalla Regione Abruzzo e dalla Regione Lazio, la necessità di costituire un Sistema di Autorità Portuale che comprenda i Porti di Roma e i Porti d’Abruzzo, cogliendo la forte complementarietà tra i citati porti del Tirreno e dell’Adriatico, e chiediamo al Governo di accogliere tale proposta, in quanto utile per le due regioni e per il Paese.

Fabio Melilli – Segretario PD Lazio
Marco Rapino – Segretario PD Abruzzo

Altri comunicati

 

4 marzo 2016, convegno: “Il Nuovo Patto dei Sindaci per l’Energia e il Clima”

Di News

mini-locandica-sindaci

Sarà presente Cristiana Avenali, Consigliera Regione Lazio, componente Commissione Ambiente, lavori pubblici, mobilità,  politiche della casa e urbanistica e Coordinatrice Commissione Ambiente e Agricoltura PD Lazio

L’evento si configura come un momento di aggiornamento a livello regionale e nazionale sulla nuova iniziativa integrata del Patto dei Sindaci, con una riflessione sulle azioni locali da intraprendere per la mitigazione e l’adattamento ai cambiamenti climatici dopo la COP21 di Parigi, e costituirà un momento di confronto e coordinamento a livello regionale con la presentazione del recente ruolo assunto dalla Regione Lazio quale Coordinatore Territoriale dell’iniziativa europea.

Il convegno è realizzato dalla Regione Lazio in collaborazione con l’Ufficio Europeo del Patto dei Sindaci e sarà l’occasione per discutere delle migliori strategie, dei finanziamenti a disposizione per l’energia e il clima e delle buone pratiche italiane.
Nella prima sessione si illustreranno gli aggiornamenti recenti sul nuovo Patto dei Sindaci e vi saranno delle testimonianze di buone pratiche, progetti e strategie regionali e provinciali di successo nell’attuazione dell’iniziativa; la seconda sessione sarà incentrata sui finanziamenti a disposizione con l’illustrazione di casi di successo e dei futuri bandi per l’energia e il clima.

Contatti